In questo articolo si parla di:

Patagonia, la realtà americana specializzata in abbigliamento outdoor con una forte vocazione ecologica, ha lanciato la campagna “Vote our Planet”, in occasione delle elezioni politiche che si terranno il prossimo 4 marzo. L’azienda, insieme a tre associazioni no profit italiane, Cittadini per l’AriaSelva UrbanaSalviamo l’Orsoinvita tutti gli italiani a scegliere un programma politico che si focalizzi sulla tutela ambientale lanciando sulla pagina ufficiale Facebook tre video in tre giornate, uno per ogni associazione. Il primo uscito in data 27 febbraio ha il seguente appello:

Per proteggere la salute di tutti, difendiamo un diritto di importanza vitale. Il diritto di respirare aria pulita. Go Vote! (Anna Gerometta – Cittadini per l’Aria)

Gli stessi scienziati di Energia per l’Italia nei giorni scorsi hanno lanciato un invito alle forze politiche che si candidano per governare il paese, affinché mettano in atto provvedimenti per affrontare la sfida all’inquinamento e ai cambiamenti climatici, con tanto di invito ai cittadini a votare chi si impegna a perseguire questi intenti.

Fra gli italiani che si avvicinano alle elezioni infatti è diffusa la percezione della profonda crisi socioeconomica in cui versa il Paese ma manca invece quasi del tutto nell’opinione pubblica una percezione chiara dell’incombente crisi ambientale e climatica, e dell’estrema necessità di agire speditamente all’interno della classe dirigente politica.

Dal punto di vista ambientale, ciò che mette a maggior rischio benessere ed ecosistema sono l’inquinamento, i cambiamenti climatici e l’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali. Se verrà mantenuto il modello economico basato sull’utilizzo dei combustibili fossili, sarà impossibile uscire da una crisi ambientale destinata ad ampliarsi sempre di più. Diversamente, si può pensare a una politica che riduca i consumi energetici utilizzando fonti rinnovabili. In questo senso, la comunità scientifica si sta chiedendo se la politica abbia deciso implicitamente di perseguire la prima strada, oppure se è convinta della ineluttabile necessità della seconda. Da qui nasce l’appello di Patagonia a dare fiducia a coloro hanno a cuore la salvaguardia dell’ambiente e, di conseguenza, del benessere di tutti.